cornice
precedente Dicembre 2019 successivo
lun mar mer gio ven sab dom
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Garden Club Messina

via F. Crispi, 4 - 98121 Messina

Telefono: 090 363035

Fax: 090 363035

E-mail: flora.bombarda@libero.it

Presidente: Flora Salleo Bombarda (Tel: 347 0870440)

Vicepresidente: Anna Moleti Paino (Tel: 090 340085)

Segretario/a: Pina Noè Coltrone (Tel: 347 1428133)

Soci: 105

 

Anno di fondazione: 1990

Vita di club

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

CHIUSURA ESTIVA DELLE ATTIVITA’ a Marmora in Giardino da Franca Pustorino 28 Giugno 2019

1 - Una serie di immagini dell'incontro in giardini. 2 - 3 - 4 - Conversazioni e frescura accanto alla piscina. 5 - 6 - 7 - 8 - 9 -

 

Siamo stati accolti con calore da Franca e Domenico Pustorino nel bel giardino della loro villa a Marmora, offrendoci, oltre al piacere della cornice verde e delle belle fioriture, una gradevole frescura dopo le violente temperature della città, seguendo il volo delle rondini che scendevano sullo specchio della piscina.

Abbiamo particolarmente apprezzato l’invito di Franca a devolvere il libero contributo che ciascuno di noi avrebbe dedicato a un dono per lei, di destinarlo invece al canile della città che versa in condizioni di gravissima difficoltà.

Grati per questo suggerimento, rinfrancati e rilassati, grazie alla cordialità dei nostri ospiti e del prelibato menu siamo stati accompagnati alla chiusura della serata dalle note del pianoforte.

 

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

GITA AL BORGO PANTANO a Rometta Monti. 5.6.2019

1 - Parete fiorita a Rometta Monti. 3 - L'altare di S. Maria delle Grazie. 4 - Il suono del silenzio. 5 - Il suono del silenzio. 6 - Il suono del silenzio. 7 - Orazio Bisazza. 8 - Fioriture nel percorso natiuralistico. 9 - Fioriture nel percorso natiuralistico. 10 - Banchertto. 11 - Banchetto. 12 - 13 - 14 - 15 - Relax. 16 - Relax.

 

Il Borgo Pantano, situato sulla sommità di una collina che si erge tra due torrenti, piccolo centro agreste, abitato fino alla metà del 1900, consta di una trentina di edifici distribuiti su due schiere e presenta un’antica e complessa stratificazione culturale. Recuperato grazie all’impegno e alla passione di Maria Cannuli e dei suoi discendenti è curato dalla società Incanti & Memorie. Il Borgo affonda le proprie origini nel tardo medioevo ed è contemporaneo alla famosa Farmacia di Roccavaldina.

Accolti dal proprietario e curatore Orazio Bisazza, la visita ha avuto inizio con Il suono del silenzio, quando, seduti a cerchio all’interno dell’antica Chiesetta edificata nel 500 e dedicata a Santa Maria delle Grazie, siamo stati trattenuti all’ascolto di musiche di insolita sonorità proposte, con strumenti musicali olistici da due ispirati esecutori, con effetto molto suggestivo.

È seguita l’Escursione naturalistica lungo i sentieri di borgo Pantano accessibile a tutti, all’insegna di una camminata consapevole, alla scoperta della flora spontanea locale un percorso per il riconoscimento delle erbe commestibili attraverso la loro identificazione la loro storia e il loro utilizzo a scopo alimentare e cosmetico.

Il Banchetto rustico, allestito all’ombra di secolari pioppi ha proposto piatti eseguiti con verdure, erbe e ingredienti locali preparati con ricette della tradizione, serviti con piatti e posate in materiale naturale.

Nel pomeriggio è stata effettuata la visita storico-culturale alla scoperta di Borgo Pantano. Secondo i più antichi documenti storici ritrovati, le origini di Pantano risalgono al 1296. Dopo questa data, il borgo è stato ininterrottamente abitato fino alla metà del Novecento. Uno spazio di accoglienza, ma anche un laboratorio che consente di scoprire e comprendere le antiche culture del territorio riprese e reinterpretate nel C.I.T. Il “Centro di Interpretazione del Territorio” ospitato in un antico palmento ristrutturato in maniera filologica dove al primo piano è presente un piccolo museo, dove si conserva e si valorizza la memoria dell’antico mondo contadino, strumenti di lavoro rurale, della quotidianità femminile e dell’artigianato locale, fotografie che illustrano i cicli di coltura della vite dell'olivo e del grano e dei momenti di festa, un viaggio a ritroso dentro la storia del borgo riepilogata dalla grande parish map, la mappa di comunità che racconta e riprende il patrimonio, il paesaggio i saperi e le sue memorie.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

INCONTRO INTERCLUB A RADICEPURA CON LUDOVICO POLLASTRO 21 5 2019

1 - Ingresso Radicepura. 2 - Conferenza L. Pollastro. 3 - G. Monti, L. Pollastro. 4 - Pubblico. 5 - 6 - 7 - G.Cosentino, G. Urso, F. Salleo. 8 - Verso il Parco botanico. 9 - Parco botanico. 10 - Parco botanico. 11 - Parco botanico. 12 - Parco botanico. 13 - Parco botanico. 14 - Parco botanico. 15 - Panoramica delle installazioni in concorso. 16 - Giardino premiato. 17 - Giardino premiato. 18 - Giardino premiato. 19 - Giardino premiato. 20 - Giardino premiato. 21 - Anamorphose di Francois Abélanet. 22 - Anamorphose. 23 - Anamorphose. 24 - Anamorphose. 25 - Anamorphose. 26 - Accostamento e contrasti.

E’ stato ospitato nella scenografica cornice degli impianti di Radicepura a Riposto di Giarre l’Incontro Interclub dedicato alla conversazione che Ludovico Pollastro ha sviluppato sul tema: ” Sicilia paradiso del Mediterraneo, un’isola per sognare”, l’appuntamento realizzato con la partecipazione dei club di Caltanissetta, Catania, Messina e Taormina ha rinnovato la consuetudine, ormai più che decennale, dell’ incontro dei Garden Club Siciliani nella comune condivisione di interessi botanici sia nella veste naturalistica che attraverso la scoperta di giardini, nella piacevole atmosfera di amicizia.

Ludovico Pollastro, profondo conoscitore e appassionato scopritore delle bellezze delle particolarità della Sicilia, ha dedicato il suo intervento alle diverse espressioni verdi dell’Isola: l’Etna, stupefacente unicum paesaggistico e sorprendente spettacolo naturalistico; l’Isola di Salina, tra le Eolie la più verde, con i pregiati vigneti e le coltivazioni dei rinomati capperi; la Riserva dello Zingaro, estesa tra il palermitano e la bella costa di San Vito lo Capo, suggestivo scrigno di endemismi con la profusione di Chamaerops humilis, palme spontanee nel territorio. Ha inoltre proposto le immagini di diversi Giardini privati alcuni di vecchio impianto, altri di recente realizzazione, tutti interessanti per la particolarità delle essenze, molte delle quali ancora rare, per l’armonia delle progettazioni e spesso per la spettacolare posizione panoramica con scorci o ampie vedute sull’intenso mare siciliano.

Ricadendo il nostro incontro nel periodo del Radicepura Garden Festival, manifestazione giunta alla seconda edizione, si sono raggiunti, attraverso il nuovo vasto Parco botanico, ricco di collezioni di succulente, essenze subtropicali e mediterranee proposte in amplissimi spazi, i Giardini vincitori del concorso legato all’evento, dedicati nel 2019 al tema “Giardini produttivi”, installazioni interessanti per la diversa concezione ispiratrice di ciascuno, esempi della moderna concezione di “giardino”, frutto di esperienze, filosofie e proiezione nel futuro.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

SCAMBIO DEGLI AUGURI PASQUALI DA MARIA EUGENIA CUZZOCREA 15 aprile 2019

1 - Il taglio della torta. 2 - Festeggiamenti. 3 -

A conclusione della Rassegna Cinematografica 2019 che si è conclusa con la proiezione del coinvolgente, poetico film “La pelle dell’orso”, siamo stati accolti calorosamente come sempre in casa da Maria Eugenia Cuzzocrea per il festoso cocktail nel corso del quale ci siamo scambiati gli Auguri Pasquali.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI E ASSEMBLEA DI BILANCIO 2019 Saletta Cannizzaro dell’Università degli Studi 5 aprile 2019

L’Assemblea Ordinaria del Garden Club di Messina unitamente all’ Assemblea di Bilancio ha avuto svolgimento alle ore 16.00 con in seguente O.d.G.

Presentazione del Bilancio Consuntivo per l’anno 2018 e Preventivo per l’anno 2019;

Relazione del Presidente;

Illustrazione del Regolamento Europeo per la protezione dei dati entrato in vigore nel maggio 2018 e distribuzione dei moduli;

Elezione delle Cariche Sociali;

I bilanci 2018 e 2019, redatti dalla Tesoriera Rosetta Pracanica e presentati dal Revisore dei Conti Giovanna Sciarrone sono stati approvati all’unanimità. Uguale approvazione ha avuto la relazione della Presidente Flora Salleo.

A seguito della votazione sono state confermate per il prossimo triennio le Cariche Sociali: Presidente, Segretaria, Tesoriera Consiglieri e Revisori dei Conti, all’unanimità.

Sono state distribuite ai Soci le schede da completare con i dati individuali relative al Regolamento Europeo per la protezione dei dati.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

A TAORMINA PRESENTAZIONE DEL LIBRO di NICOLETTA CAMPANELLA “GRANDI GIARDINIERE D’ITALIA – i volti, i luoghi, le essenze e la storia” Hotel Excelsior 28.3.2019

1 - La locandina dell'incontro. 2 - N. Campanella, I. Pafumi, R. Puglionisi, F. Salleo, S. Bruno. 3 - Intervento di R. Puglionisi.

La presentazione del libro di Nicoletta Campanella ha avuto luogo nel corso di un incontro Interclub con i Garden di: Taormina, “La ferula” di Caltanissetta, “Barocco” di Modica e Ragusa e il nostro di Messina,

 Gli appuntamenti con Nicoletta si sono susseguiti nei recenti anni, essendo stata già con noi per la presentazione dei suoi due volumi precedentemente pubblicati ovvero “Rosa Banksiae” e “Le Rose Cinesi”. In questo incontro ha proposto la sua recente, nuova pubblicazione nella quale, nella bella, insolita veste editoriale racconta il mondo ancora piuttosto inesplorato delle donne che hanno dedicato e tuttora dedicano passione, competenza, forze non solo fisiche, amore per il bello, i fiori e il paesaggio, ai propri giardini.

Alcuni nomi sono noti, altri li scopriamo leggendo il libro: Lelia Caetani Howard per i Giardini di Ninfa, Ursula Salghetti Piacenza per il recupero dei Giardini di Boccanegra creati a suo tempo da Ellen Ann Willmott, Lavinia Taverna per i Giardini della Landriana, Maresa Del Bufalo per i Giardini di Valleranello, Antonella Fineschi per il Roseto di Cavriglia, e ancora Lily D’Aragona, Rossella Puglionisi Sasso, Mirella Presot Collavini, la regina delle viole, Maria Augusta Eroli, Marcella  Montano Musetti, Cristiana Cecconi Croff,

Di queste giardiniere Nicoletta ha narrato le vicende che le hanno portate a scoprire o riscoprire e ricreare i loro paradisi, superando difficoltà, fallimenti, fatiche, ricercando essenze rare in tutto il mondo.

Innumerevoli sono le notizie tratte dalle biografie delle giardiniere: vicende famigliari, corrispondenze, riconoscimenti, annotazioni sulle mode e la vita di quei tempi che si percorrono grazie alla loro passione botanica dagli anni cinquanta fino a oggi.  Notizie e attività illustrate da un corredo fotografico ricchissimo e spettacolare, presentato in una elegante veste grafica.

La presentazione di Nicoletta che ha illustrato le varie storie e le vicende delle “giardiniere” ha goduto della presenza di Rossella Puglionisi Sasso che ha partecipato con la competenza e l’esperienza date dalla cura di un importante giardino, a dare risposta alle molte curiosità sollevate dai presenti.

L’incontro di successo è purtroppo rappresentato da un modesto corredo fotografico.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

“VEGETAZIONE E FIORITURE DEI MONTI PELORITANI” Accademia dei Pericolanti all’Università degli Studi di Messina 18 marzo 2019

1 - Presentazione della conferenza. 2 - Mondello, Salleo, Zanghì. 3 - 4 - Intervento Guglielmo Labruto. 5 - Intervento Fabio Mondello. 6 - Intervento Nuccio Zanghi. 7 - Il pubblico.

Relatore dell’incontro Il Professore Guglielmo Labruto che con l’aiuto di molte belle fotografie scattate nel corso delle frequenti escursioni sui Peloritani e illustrandone le caratteristiche orografiche e ambientali ha stimolato la sorpresa e la curiosità dei nostri soci.

Hanno fatto seguito le precise informazioni botaniche sulla flora dei Monti nella competente descrizione del Dottore Fabio Mondello. Un vivo e partecipato interesse ha destato l’intervento del Dottor Nuccio Zanghì, Presidente del CAI – Sezione Sicilia che ha descritto i molti itinerari tracciati e percorribili sui Peloritanì, descrivendone con passione le attrattive e le caratteristiche e invitando i nostri soci a partecipare a qualcuna delle prossime escursioni.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

12.2.2019 A CATANIA MOSTRA “PERCORSI E SEGRETI DELL’OIMPRESSIONISMO” e visita alla BADIA DI SANT’AGATA

1 - Badia di Sant'Agata. La statua della Santa. 2 - Badia di Sant'Agata - la guida all'interno. foto5985 3 - Antonietta Signorino sul campanile della Badia di S.Agata. 4 - Preparativi per la processione. 5 - Un pò di foto nel ristorante "Me cumpari Turiddu". 6 - 7 - 8 - 9 -

Alla visita guidata alla Mostra ospitata a Palazzo Platamone ha fatto seguito, nel pomeriggio, quella alla Badia di Sant’Agata, uno dei più importanti monumenti barocchi di Catania, dedicato alla Protettrice della città della quale custodisce la preziosa Immagine che viene portata in processione il 4 febbraio attraverso un percorso che attraversa tutto il centro storico.

La mostra che propone oltre ai celeberrimi Cézanne, Degas, Gauguin, Monet, Renoir, Signac la ricca produzione di oltre 40 artisti dell’impressionismo, espone opere di varia natura: oli, disegni e acquerelli, grafiche sculture, foto e ceramiche.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

16 1.2019 A PALERMO PER LE MOSTRE: “ANTONINO LETO – Tra l’Epopea dei Florio e la luce di Capri” presso la GAM - Galleria d’Arte Moderna “ANTONELLO DA MESSINA” presso la Galleria Regionale di Palazzo Abatellis

1 - A. Leto - Le saline di Trapani. 2 - Antonino Leto.

Molto ricca e ben presentata la mostra di Antonino Leto, completata dall’accompagnamento di guide competenti nella descrizione dell’evoluzione artistica di Leto e capaci nella collocazione del pittore nel suo tempo.

Deludente la mostra di Antonello per la modesta presenza di opere, ma sempre emozionante per la loro bellezza e la precisa e suggestiva composizione.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

 

CONCERTO DI NATALE - 11 DICEMBRE 2018

“IL CIRCOLO”

 

   L’evento celebrativo del Natale è stato quest’anno dedicato a un Recital per pianoforte del Maestro David Carfì al quale ha fatto seguito nelle stesse sale del Circolo un cocktail nel corso del quale ci siamo scambiati gli Auguri.

  Appuntamento alle ore 17:00 nel salone del Circolo dove David Carfì ha proposto un programma di brani classici eseguiti con maestria, forte espressività interpretativa e grande abilità tecnica suscitando la partecipazione emotiva e l’entusiasmo del pubblico.

 

Questi i brani in programma:

  •  

    •  
  • D. Carfì: Preludio alla celebre Passacaglia in sol minore di Handel

  • G. F. Handel: Celebre Passacaglia in sol minore (con

  • elaborazione originale del basso d’armonia)

  • W. A. Mozart: Grande Sonata in do minore K 457

  • L. van Beethoven: Sonata op. 27 n. 2, “Al chiaro di luna”,

  • in do diesis minore

  • F. Chopin: Fantasia improvviso opera postumain do diesis minore

  • D. Carfì: Fantasia in do diesis minore

 

 

  Al termine dell’ottimo cocktail, nella calorosa atmosfera augurale, è stato effettuato il consueto sorteggio dei centri di tavola (10) allestiti con foglie e bacche tipici del periodo natalizio.

 

 

Foto del concerto

Decorazioni del buffet. l'udotirio in attesa. Presentazione del Maestro Carfì. David Carfì nell'esecuzione del concerto. A. Russo, F. Salleo, D. Carfì. l'aperitivo al buffet. Decorazioni floreali per i tavoli.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

 

29 novembre2018 Saletta Cannizzaro - Università degli Studi - ore 16.30

CONVERSAZIONE DI PAOLO VAPORE sul tema:

 

“I Monti Nebrodi: caratteristiche e immagini”

 

Paolo Vapore, assiduo osservatore dell’ambiente naturale non solamente della nostra isola, che percorre nelle frequenti escursioni raggiungendone i luoghi più impervi e quasi inaccessibili, ha presentato una ricchissima carrellata di immagini riprese nelle diverse stagioni dell’anno raccontandone i boschi, i laghi, i panorami, gli animali, la vegetazione nelle sue varie espressioni. Abbiamo “visitato” con lui quei luoghi nelle suggestive vesti autunnale e invernale ritratte con mano felice, occhio appassionato e grande abilità tecnica.

Abbiamo scoperto, grazie a lui, l’esistenza di un mulino ad acqua, nella zona di Novara di Sicilia, tuttora in funzione, ritratto nelle varie fasi della lavorazione.

L’entusiasmo sollevato dall’ incontro con Paolo Vapore sarà rinnovato dalla, purtroppo ridotta, documentazione fotografica presentata con un proprio titolo dopo le fotografie della conferenza.

 

CONVERSAZIONE DI PAOLO VAPORE

Composizione autunnale. Il Pubblico. Paolo Vapore.  La conversazione. Paolo Vapore risponde ai quesiti. La composizione.

DORSALE DEI NEBRODI E ROCCA DI NOVARA

bosco della tassita bosco della tassita bosco della tassita, caronia Caronia Caronia bosco mangalaviti Malgraviti Malgraviti dorsale dei nebrodi cartolari con la neve lago cartolari lago cartolari lago cartolari lago cartolari ghiacciato lago cartolari lago del biviere lago maullazzo lago maullazzo portella miraglia monte Soro portella mitta, dorsale dei Nebrodi Mistretta rocca novara rocca novara rocca novara rocca novara - salvatesta Mulino ad acqua, Novara di Sicilia

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

Conversazione di Ada Arena.

Ada Arena. L'uditorio. La presentazione. La conferenza di Ada Arena. Commenti. La decorazione floreale con le specie citate.

 

13 novembre2018   Accademia dei Pericolanti  Università degli Studi – ore 16.30

CONVERSAZIONE  DI ADA ARENA sul tema:

 

“Per una resa di voce poetica: Salvatore Quasimodo, Il linguaggio simbolico dei fiori nella traduzione dei Lirici Greci”.

Nella ricorrenza del cinquantesimo anniversario dalla scomparsa di Salvatore Quasimodo e per celebrarlo nell’ambito delle attività di un Garden Club è stato accolto con entusiasmo il suggerimento di Ada Arena con la proposta di trarre dalle liriche greche delle quali il poeta è stato ineguagliato traduttore i versi nei quali sono citati piante e fiori.

Nato a Modica e vissuto nella provincia di Messina, in questa città Quasimodo ha compiuto gli studi superiori e frequentato l’ambiente letterario, allora assai vivace, prima di trasferirsi a Milano città più  consona alle sue esigenze culturali ed editoriali.

Toccanti le lettere scritte, lontano dai genitori,  negli anni della maturità, alla madre “ Mater dulcissima” e la “Lettera al padre”, delle quali Ada  ha  letto alcuni brani salienti.

Insignito del Premio Nobel nel 1959, gli fu conferita a Messina nel 1960, evento memorabile per il mondo culturale della città, la Laurea Honoris Causa.

Le citazioni scelte da Ada Arena sono state tratte da liriche della poetessa Saffo dei poeti Alceo, Ibico e Archilòco e vi appaiono la Rosa, la Viola, l’Elicriso, il Timo, l’ Aneto, il Trifoglio il Mirto, l’Alloro, l’Ulivo, il Melo.

La lettura degli elegiaci versi ha destato momenti di intensa partecipazione, di piacere letterario ed estetico che hanno confermato quanto espresso nella raccolta del Poeta: “L’uomo e la poesia”: -“L’uomo vuole la verità dalla poesia, quella verità che egli non ha potere di esprimere e nella quale si riconosce..”

 

 

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

ASSEMBLEA NAZIONALE UGAI 2018

Assemblea. Acetaia Terra del Tuono. Caseificio San Simone. Max Mara Cena di Gala Castello di Rossena. Castello di Rossena - La chiesetta. Castello di Rossena. Brume. Castello di Rossena. Castello di Rossena. Canale che porta l'acqua al pozzo. Castello di Rossena - il pozzo interno. Castello di Rossena - Affresco. Castello di Rossena - il borgo. Reggio Emlia Il Teatro Valli. Pilone del Ponte di Calatrava. Interno della Stazione Medio Padana.

 

ASSEMBLEA NAZIONALE  UGAI

REGGIO EMILIA 12 – 13 – 14 OTTOBRE 2018

 

 

In occasione dell’Assemblea, come di consueto sono state organizzati eventi culturali e sociali interessanti e invitanti. Oltre alla bella passeggiata nei Giardini Pubblici ricchi di annose  alberature e di storia si è visitato il centro storico con la visita al Duomo completando il percorso alla Sala del Tricolore dove nel corso della seduta comunale del 7 gennaio 1797 fu proclamato che il tricolore divenisse il vessillo della Repubblica Cispadana, divenuto poi simbolo di indipendenza e unità nazionale.

I celebri prodotti alimentari sono stati le nostre mete  nel giorno successivo. La visita all’ Acetaia Terra del Tuono, santuario dell’Aceto balsamico tradizionale  con la degustazione delle varie associazioni dell’aceto con diversi ingredienti e aromi, e stata  seguita dalla visita al Caseificio San Simone, produzione e custodia di un impressionante numero di forme del  rinomato Parmigiano Reggiano.

Meta dell’Incontro UGAI è stato lo storico Castello di Rossena, che, posto su una rupe vulcanica domina, il bellissimo paesaggio circostante, è ricordato per  la presenza di Matilde di Canossa e per l’umiliazione subita dall’Imperatore Enrico IV.

Molto apprezzata la visita alle creazioni di Max Mara, industria di alto livello internazionale, sia nei notevoli negozi in città che nella elegante, vasta sede della fabbrica. Nei locali di rappresentanza ha avuto svolgimento la Cena di Gala, ospitata in un ambiente piacevolmente insolito ed espressa nell’ottima cucina reggina.

 

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

NELLA VILLA DI GINA CARLEO A TAORMINA APERTURA DELLE ATTIVITA’ DELLE ATTIVITA’ AUTUNNALI 17 Settembre 2018

Ingresso alla terrazza. Blandano,Pafumi, Salleo, Buda, Carleo. Ilde Pafumi, Grazia Blandano e Gina Carleo. Flora Salleo e Gina Carleo. Socie Garden Taormina, Pafumi, Salleo, Carleo e musicisti. Ivana e Guglielmo Labruto. La piscina.

  

 

   L’appuntamento alle 18,30 ha dato modo a tutti noi di ammirare dalla bella terrazza uno dei più straordinari panorami d’Italia, nel magnifico scorcio offerto dalla costa taorminese.

   L’ospitalità di Gina, calorosa e impeccabile sia nella magnifica villa che nella grande terrazza, si è manifestata con la simpatia, la semplicità e l’amicizia con cui Gina, con il suo tratto, ha caratterizzato tutta la serata.

  Il suo saluto rivolto a tutti noi, sottolineando con precise considerazioni le affinità tra natura e musica, ha preceduto la bella performance musicale che ha avuto per interpreti il maestro Francesco Micali e la cantante Paola Miraglia che ci hanno intrattenuti prima della buonissima cena.

   Abbiamo avuto il piacere di incontrare tra gli invitati la Presidente del Garden Club di Taormina, Ilde Pafumi con amiche di quel sodalizio con le quali abbiamo potuto fare, dopo mesi, una simpatica rimpatriata.

   La calda atmosfera, il luogo splendido e l’affettuosità della nostra ospite hanno dato vita al successo della serata, felice premessa per i nostri appuntamenti autunnali.

 

 

 

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

VISITA AL GIARDINO DI ANTONIO MARCHETTA A GRANATARI - 22 Giugno 2018

Panoramica del giardino. Il giardino lungo il canale. Il Dott. Marchetta illustra il giardino. Zina Schipani. Lungo il canale. Felce Platycerium. Foto di gruppo.

 

  ANTONIO MARCHETTA è paesaggista, progettista e curatore di giardini, collezionista e “cacciatore” di piante che riporta dai vari paesi che visita allo scopo di arricchire la sua vasta collezione che presenta alcune rarità o esemplari “unici” anche relativamente a quanto si possa trovare nei vivai più specializzati.

 Abbiamo ammirato, esaltate dal verde smeraldino del prato impeccabile, molte varietà di Palme alcune delle quali particolarmente rare oltre che affascinanti per le varietà, i colori e lo stato di perfetta ambientazione. Inoltre molte specie, anche inedite, di piante tropicali e subtropicali.

 Il giardino, oasi di verde, forme, colori e profumi, inaspettato e subito amato ha offerto spunti interessanti e preziosi per i nostri propri spazi verdi.

 

 

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

 

23 maggio Saletta Cannizzaro – Università degli Studi – ore 16.30

INCONTRO CON MARIA GABRIELLA BUCCIOLI

Per la presentazione del filmato diretto da Patrizia Marani dal titolo:

“PARADISO RITROVATO – la parabola del giardiniere naturale”

 

   E’ stata finalmente con noi, dopo una lunga assenza, Gabriella Buccioli. Venuta a Messina nel 2005 poco dopo l’uscita del suo primo libro “I giardini venuti dal vento” è ritornata per la presentazione del film “Paradiso ritrovato – la parabola del giardiniere naturale”.

   Maria Gabriella, “giardiniera” di eccezionale sensibilità e competenza botanica ha creato e mantiene, facendolo crescere e trasformare secondo le leggi naturali, un paradiso speciale, ricco di essenze e colori, con erbe umili o spettacolari, accostamenti cromatici e di forme, ombre e luci, forza e riposo. Nel silenzio che avvolge alberi, fiori e la sua casa la colonna sonora del canto degli uccelli interrompe quella strumentale composta appositamente per quel paradiso.

   Il filmato ripercorre la breve storia del giardino dagli inizi raccontando la passione nel preservare e valorizzare erbe e varie essenze spontanee, gratificandole di posti d’onore nelle aiuole, oltre che l’individuazione e la protezione di piccole praterie spontanee lungo la strada pubblica. Ci racconta la pacciamatura, la cura per le piantile da scovare e da proteggere, la composizione del terriccio, ci racconta delle sue marmellate e il felice utilizzo della frutta e dei prodotti orticoli in cucina. Di quando in quando vediamo i poetici disegni d Lucio che ritrae giardino, gatti e giardiniera con estrema bravura e grazia.

   Il bel filmato accolto con entusiastico apprezzamento ci ha anche rivelato la forza fisica di una donna all’apparenza fragile, ma di grande temperamento e dedizione nei confronti dalla natura e del suo magico giardino.

 

l'incontro

 1 -Tavolo della conferenza - composizione floreale.  2 - Particolare della composizione floreale.  3 - Flora Salleo introduce Gabriella Buccioli.  4 - Saluto di Gabriella Buccioli.  5 - Gabriella Buccioli espone il filmato.  6 - Il pubblico.  7 - Il pubblico.  8 - Dibattito e curiosità.  9 - Interventi.  10 - Gabriella e la bougainvillea del Museo.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

GITA A CASTROREALE E AL BOSCO DI SANTA CROCE 12 maggio 2018

 1 - Inizio della passeggiata.  2 - La fioritura del Sambuco.  3 - Fiore di Sambuco. partic.  4 - Nino Quattrocchi illustra il percorso.  5 - Fiori di Valeriana.  6 - Valeriana, partic. del fiore.  7 - Scorcio del bosco.  8 - Euphorbia.  9 - Fiori di Saponaria.  10 - Malvone, ibrido.  11 - Erbe varie e Papaveri.  12 - Pisello selvatico.  13 - Un variopinto mazzolino.  14 - Nino Quattrocchi con il gruppo.  15 - Vaduta di Castroreale.  16 - Un giardino lungo la strada.  17 - Castroreale, il corso. 18 - Castroreale, uno scorcio.  19 - Fiori lungo il corso.  20 - La Chiesa della Candelora.  21 - Chiesa della Candelora - Pala d'altare seicentesca.  22 - Il Duomo.  23 - Stemma di Filippo IV di Spagna e Re di Sicilia.  24 - Torre di Federico II.  25 - La pavimentazione.  26 - La pavimentazione.

 

GITA A CASTROREALE E AL BOSCO DI SANTA CROCE

12 maggio 2018

 

   La gita organizzata in ogni sua parte dalla nostra nuova Socia Pia Sottile ha preso l’avvio in località Santa Croce nei pressi di Castroreale da dove si inizia il percorso nei boschi circostanti. Con la guida del Professore Nino Quattrocchi abbiamo percorso una parte – la più agevole – della strada che attraversando i boschi sale sulla montagna. Godendo della vegetazione ricchissima di querce, castagni, robinie, con molti sambuchi in fiore siamo stati accompagnati dalle informazioni preziose del Prof. Quattrocchi che, illustrando le caratteristiche della flora boschiva tracciava la storia della zona e del paese di Castroreale. Delicate fioriture primaverili lungo la strada e il canto degli uccelli, in un ritrovato, sorprendente silenzio hanno allietato la passeggiata.

   Dopo aver avuto la colazione in un ottimo, caratteristico locale a Santa Croce e aver fatto rifornimento dei caratteristici biscotti del luogo, siamo scesi a Castroreale per visitare il Borgo, risultato secondo classificato nella recente competizione nazionale. Accompagnati dalla Dottoressa Mariella Sclafani, competente e garbata guida storico-artistica e responsabile della Proloco di Castroreale abbiamo visitato la Chiesa della Candelora ornata della preziosissima Pala d’Altare seicentesca ricoperta in oro zecchino. Percorrendo il Corso principale ci siamo diretti al Duomo, dedicato a Santa Maria Assunta, nel quale si ammirano, oltre ad altre pregevoli opere d’arte, due statue di Antonello Gagini. Nell’’attigua Piazza delle Aquile sono posti sui muri esterni della chiesa gli stemmi dei Casati che hanno dominato nei secoli passati. Infine la visita al Museo degli Argenti, ospitato in un’altra chiesa, che racchiude una preziosa collezione di oggetti sacri realizzati in oro e pietre preziose e i bellissime dotazioni in argento realizzate nel XVII secolo dai rinomati argentieri messinesi.

   Siamo tutti grati a Pia Sottile per il successo della gita e per le sue speciali cortesie nella calorosa accoglienza che, impegnandola nel raccordare persone e luoghi, l’ha purtroppo allontanata dalle nostre macchine fotografiche.

 

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

12 APRILE   Saletta  Cannizzaro – Università degli Studi – ore 17.00

Conferenza del dott ALESSANDRO GIAIMI sul tema

“LO STATO  DELL’ARTE DEL VERDE PUBBLICO DI MESSINA”

 

La conferenza  del Dottore Gaimi, è stata preceduta dall’interessante intervento dell’ Architetto  Umberto Giorgio che ha illustrato, approfondendo il tema, il passato del verde cittadino negli anni successivi alla progettazione urbanistica di Messina, dopo il terremoto, fino agli anni ’70, ovvero finché l’amministrazione comunale disponeva di capaci, provetti giardinieri.

L’esposizione dell’Agronomo, Dottore Alessandro Giaimi, esperto del sindaco per le tematiche relative al verde urbano, ha trattato la situazione attuale del verde cittadino con particolare riferimento alle alberature, numerose, ma quasi sempre potate in modo maldestro o addirittura fortemente nocivo,  documentandone  con l’aiuto di immagini lo scempio. Ha inoltre illustrato quanto è stato fatto dall’attuale amministrazione relativamente al problema della statica di alberature ormai pericolosamente invecchiate e di quelle le cui radici deformavano pericolosamente il manto stradale. Sono stati censiti 3000 alberi in diversi punti della città, soprattutto lungo vie alberate, con la soppressione di quelli irreparabilmente condannati e l’adeguata potatura per quelli che possono essere salvati. Ha infine parlato dei suggerimenti raccolti in un protocollo del verde cittadino affidato all’amministrazione comunale.

Questo incontro precedeva lo svolgimento della XV Giornata del Giardino intitolata “Alberi e arbusti in città: operatori di “bella” salute”

 

La Conferenza

1 2 3- Flora Salleo, Arch.U. Giorgio, Dott. A. Giaimi. 4 - Intervento Arch. Giorgio. 5 - Presentazione Dott. Giaimi. 6 -Dott. A. Giaimi. 7 - Il pubblico. 8- Interventi del pubblico. 9 - Interv. Nino Arcoraci. 10- Alessandro Giaimi e Nino Arcoraci. 11 - Alessandro e Giuseppe Giaimi.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

TE’ DI PRIMAVERA E AUGURI DI PASQUA

- 1 - Veduta del giardino. - 2 - Il giardino formale. - 3 - Fiori di ciliegio giapponese. - 4 - un buffet. - 5 - - 6 - Il tè. - 7 - - 8 - - 9 - - 10 - - 11 - - 12 - - 13 - - 14 - - 15 - - 16 - Omaggi pasquali.

26 MARZO  Villa Pulejo – ore 17.00

 

Il Tè di Primavera, già nella tradizione alcuni anni fa, è stato ospitato nelle pregevoli sale della Villa Pulejo, dimora patrizia tuttora di proprietà della famiglia, al centro di un bellissimo giardino che racchiude essenze di grande effetto scenografico, tra cui un Ficus Magnlioides di proporzioni maestose. Ottimo il tè tradizionale, con squisiti sandwiches e ricchi buffet di torte e biscotti. Le belle tavole dedicate alla bevanda hanno sottolineato l’ atmosfera accogliente e calorosa che ci ha accompagnato nel pomeriggio, chiuso con lo scambio degli Auguri Pasquali.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

Museo Regionale di Messina - 10 febbraio 2018

1 - Dott.ssa Caterina Di Giacomo. 2 - Il pubblico. 3 - Presentazione del progetto. 4 -Dott.C. Di Giacomo. 5 - Visita del Museo. 6 - Visita del Museo. 7 - Piantina di Fritillaria Messanensis.

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************

 

 

L’appuntamento previsto per la visita al Parco Botanico recentemente realizzato negli ampi spazi esterni del Museo e realizzato grazie a un’importante donazione, a causa delle cattive condizioni atmosferiche si è dovuto spostare all’interno dell’edificio, dove la Direttrice del Museo, Dottoressa  Caterina Di Giacomo, ha presentato e illustrato il progetto relativo alla sistemazione botanica di quegli spazi. Tale progetto realizzato con l’assistenza dei docenti dell’Orto Botanico di Messina è stato effettuato rispettando sia la flora spontanea della Sicilia che utilizzando tutte le essenze  aromatiche più diffuse nel territorio. Sono state messe inoltre a dimora alberature tradizionali (ulivo, carrubo, melograno) alcune palme, il Gingco biloba e, in posto d’onore, una piantina della nostra Fritillaria Messanensis. Si è poi effettuata  con rinnovato piacere, la visita alle opere custodite nelle sale del Museo che la compagnia della Direttrice ha arricchito con precise informazioni e dando rispsosta alle curiosità dei nostri soci.

 

*********************************************************************

*                                                                                                                                      *

*********************************************************************